Partita Iva, informazioni societarie e norme sulla privacy 1) PARTITA IVA e contatti societari è necessario che sulla HOME PAGE di ogni sito sia presente la Partita Iva

Partita Iva, informazioni societarie e norme sulla privacy 1) PARTITA IVA e contatti societari è necessario che sulla HOME PAGE di ogni sito sia presente la Partita Iva dell´azienda proprietaria. L´obbligo di indicazione della Partita Iva vale anche per i siti che si limitano a pubblicizzare servizi o prodotti senza svolgere commercio elettronico. Altre informazioni relative alla società possono essere richieste da altre norme, ad esempio le norme sulla tutela dei consumatori e possono essere inserite all´interno del sito. Sono sempre necessarie denominazione sociale, sede, contatti. 2) Obbligo di pubblicazione di informazioni legali Con l´entrata in vigore, il 29 luglio 2009, dell´art. 42 della Legge Comunitaria 2008 (legge 7 luglio 2009 n. 88) viene modificato l´art. 2250 del codice civile relativo alla pubblicazione, negli atti e nella corrispondenza, delle informazioni legali (sede, numero di iscrizione e ufficio del Registro delle imprese, ecc.); in particolare viene introdotta la sanzione amministrativa per l´omessa pubblicazione delle informazioni prescritte negli atti e nella corrispondenza e, solo per le società di capitali, nella rete telematica (sito web). Informazioni da pubblicare: ragione sociale e sede legale l´ufficio del registro delle imprese ove è iscritta e il numero di iscrizione codice fiscale e partita iva (sulla home page) posta elettronica certificata eventuale stato di liquidazione della società a seguito dello scioglimento il capitale effettivamente versato e quale risulta esistente dall´ultimo bilancio (per le società di capitali) lo stato di società con unico socio (per le s.p.a e le s.r.l. "unipersonali") La legge riguarda qualsiasi spazio su cui un´azienda ottiene visibilità online, anche sui social networks. 3) Informativa sulla Privacy è obbligatoria quando il sito web: - raccoglie dati personali (es. email, nome, informazioni tecniche di connessione); - i dati sono raccolti per fini statistici o commerciali; - i dati sono trasferiti ad un soggetto terzo (es. Google, Facebook, YouTube, ecc). La legge italiana prevede che sia esplicitamente dichiarato: - quali dati sono raccolti; - come sono utilizzati; - chi è il responsabile aziendale delle norme sulla privacy; - nominativo delle persone, enti o società a cui possono essere forniti i dati; - in caso di fornitura di dati sensibili, l´utente deve acconsentire selezionando una casella. Per legge occorre anche: - custodire in modo protetto le banche dati - poter dimostrare da dove provengono i dati e quando/come hai ottenuto il consenso.

Condividi