I numeri vincenti del turismo cinese perchè investire in un sito web multilingua

In più occasioni abbiamo parlato dei turisti cinesi come del maggiore mercato incoming a livello mondiale, destinato a crescere ancora negli anni a venire.

Un nuovo studio di Hotels.com ci mostra perché è importante non perdere di vista questi viaggiatori e, anzi, identificarne le caratteristiche. Con i numeri del turismo cinese alla mano, oggi vi diamo alcuni suggerimenti per rendere appetibile il vostro hotel alla vigilia dell’Anno del Turismo Europa – Cina.

 

Non è certo semplice per gli hotel indipendenti italiani attirare l’attenzione di questi viaggiatori perché, come vedremo dalle statistiche di seguito, in prevalenza si affidano alle OTA e ad agenzie di viaggio tradizionali. Ciononostante, resta di fondamentale importanza tenere d’occhio i trend di questo mercato, soprattutto in vista dell’inaugurazione tutta italiana dell’Anno del Turismo Europa – Cina.

Il turismo cinese dà i numeri…

Benché attualmente solo il 5% della popolazione cinese possieda un passaporto, la Cina è il paese che spende di più al mondo per viaggiare. Questo perché, come rivela il Chinese International Travel Monitor 2016 di Hotels.com, per la stragrande maggioranza di essi viaggiare e scoprire nuove destinazioni è essenziale – praticamente un bene di prima necessità nel quale investono circa un quarto del proprio reddito. Intenzionati a spendere ancora di più nel 2017, specialmente nell’intrattenimento e nella cucina, i turisti cinesi risultano tuttavia essere molto oculati con i propri risparmi; in altre parole, se e solo se il servizio è all’altezza del prezzo e delle aspettative, non badano a spese.

Shopping, ristoranti e itinerari: sono questi gli elementi chiave che i turisti cinesi, composti prevalentemente da Millennial (i nati negli anni Novanta) e da persone sulla cinquantina con famiglia al seguito, cercano maggiormente nel prenotare i propri viaggi.

Viaggi che, in prevalenza, hanno una durata non inferiore ai cinque giorni. Per organizzarli si muovono con oltre un mese di anticipo, il 74% di loro consulta le OTA e il 62% prenota l’hotel prescelto da un dispositivo mobile – anche in questo caso principalmente il sito di un’OTA da smartphone o tablet.

…e l’Italia se li gioca

È utile ricordare che ci troviamo di fronte a una categoria di viaggiatori ben disposti a spendere. Quindi è necessario saper sfruttare upselling e cross-selling, strategie di marketing molto efficaci che vi permetteranno di ottenere risultati sorprendenti, perché incrementeranno la già alta capacità di spesa dei turisti cinesi. Ricordatevi di come concepiscono il viaggio, di quanto amano fare shopping, visitare e scoprire; più che un soggiorno, offrite loro un’esperienza personalizzata.

Peraltro, dato il largo anticipo con cui prenotano, avrete tempo a sufficienza per conoscere i vostri futuri ospiti e plasmare l’offerta migliore che possano desiderare. Accoglieteli con un tè di benvenuto, sorprendeteli mostrando un minimo di dimestichezza con la loro cultura millenaria e, cosa fondamentale, dal punto di vista mobile e social siate al passo coi tempi come lo sono loro. Per esempio, potreste provare ad affidarvi a un’agenzia specializzata per creare un profilo del vostro hotel sui social cinesi Wechat e Weibo: questi accorgimenti, oltre a essere innovativi nel panorama alberghiero italiano, cattureranno l’attenzione dei turisti cinesi e li sproneranno a tornare da voi, dove sapranno di trovare sempre la porta aperta.

Alla conquista del mercato cinese

Venezia è stata designata “capitale europea” che ospiterà, a gennaio 2018, la cerimonia di inaugurazione dell’Anno del Turismo Europa – Cina.

Bologna e la Calabria sono, rispettivamente, la prima città metropolitana e la prima regione italiane ad aver ricevuto il riconoscimento ufficiale cinese Welcome Chinese. Oltre a incentivare le pratiche di ospitalità e di accoglienza a favore dei turisti cinesi in Italia, il riconoscimento permette alle strutture certificate di accedere in maniera diretta e privilegiata al mercato cinese attraverso il sostegno della China Tourism Academy, l’ente del Ministero del Turismo Cinese che ne supporta l’interessante programma, il quale prevede anche benefit di accredito presso importanti tour operator cinesi.

Un passo avanti importante per la promozione e lo sviluppo del turismo cinese in Italia e un’occasione da prendere in considerazione per giocarvi al meglio i numeri del turismo cinese e guadagnare visibilità in Cina.

FONTE: http://www.bookingblog.com

Condividi